il birmano in europaI primi Sacri di Birmania fecero la loro comparsa in Europa nel 1918, furono un maschio ed una femmina donati dai monaci Kittahs in segno di riconoscimento ad una coppia francese. Purtroppo il birmano maschio morì durante il lungo viaggio, mentre la birmana femmina arrivò sana e salva. Poichè la femmina partì dal sacro Tempio già gravida, a Nizza diede alla luce la sua prima cucciolata, diffondendo così il gatto Sacro di Birmania in Europa. A seguito della Seconda Guerra Mondiale, la razza Sacro di Birmania quasi si estinse. Riuscirono a salvarsi solo due coppie di esemplari e da queste si partì per ottenere il riconoscimento ufficiale, ottenuto nel 1966. Il gatto Sacro di Birmania fu per la prima volta importato in Italia dalla Francia nel 1979 dal Francamaria Gabriele, attuale presidente dell’ A.GA.B.I. (Associazione Italiana Amatori del Gatto Sacro di Birmania).